Pensare e poetare

“Ormai solo un dio ci può salvare. Io vedo come unica possibilità di salvezza quella di preparare, nel pensare e nel poetare, una disponibilità all’apparizione del dio o all’assenza del dio nel tramonto.”
MARTIN HEIDEGGER

BiografiaShop

I mie lavori in breve

Omeini

Immaginare un universo popolato da esserini muti, ironici e poetici. Gli Omeini abitano pianetini e buchi, in solitudine, dove la comunicazione è nulla o minima. Se pensano, visualizzano oggetti. Non fanno ombra. Hanno appena l’indice opponibile. Gli Omeini vivono sospesi tra un vecchio mondo di cui conservano memoria e uno nuovo che provano ad abitare con ironia e poesia.

Città tascabili

Sintetizzare le città contemporanee in oggetti tascabili, dall’aspetto infantile, quasi dei giocattoli che però contengono sempre un’inquietudine. Piccole sculture ludiche, costruite con sottobicchieri ritagliati, colorati e poi assemblati, le città tascabili rivelano, ad un’osservazione stringente, un elemento problematico, a volte chiaramente definito e minaccioso, a volte lasciato nel vago.

Nell’anorma

Valorizzare alcuni testi attraverso un disegno volutamente semplice, fatto di inchiostri e in alcuni casi acquerelli, che affianchi il testo, senza spiegarlo o sovrastarlo. Un modo di trarre dall’oblio sensazioni che hanno trovato distillazione in un testo e a cui tuttavia la parola scritta sembra non bastare, prestandosi ad ulteriori possibilità espressive.

Sconfinamenti

Uscire dalle proprie abitudini per sperimentare e imparare nuove tecniche e nuovi saperi, calare le proprie idee in campi inconsueti per misurarle, arricchirle, all’occorrenza cambiarle, perché nuove possibilità aguzzano anche la fantasia. Dai cortometraggi alla fotografia al web, cercare il proprio filo in mezzo alle più diverse trame.

T-shirt

Disegnare t-shirt per recuperare leggerezza e colore senza perdere in significati anche importanti: ogni volta la sfida è trovare un giusto equilibrio tra la parte superficiale e la parte profonda per approntare una grafica insieme gradevole e non banale.